Il pensiero di Titti Mastrocinque

La conferenza? Secondo me sarà proprio così:

Il sipario si apre, sul palcoscenico alcune sedie e una panchina, luci che si muovono come a cercare qualcuno, in fondo un pianoforte. 

Silenzio, attesa, un’opera inedita sta per avere inizio “Coaching oltre il Tempo”. 

Attori non professionisti, ma professionisti di elevata caratura, per volere della regia e accompagnati da una vera attrice, di tutto rispetto, e da un sapiente giornalista, si affacciano a tre finestre “di dialogo”, ispirati da tre grandi della nostra storia, recitano il proprio monologo. 

Ecco alla prima finestra, per il monologo Etica&Comunicazione, sotto lo sguardo di Machiavelli, un Direttore Generale, un’ex Atleta e un Esperto di Etica Applicata; alla seconda, per il monologo Osservazione&Determinazione, sotto la lente di Galilei, un  Astronauta, una Lessicografa e un’Ostetrica e alla terza finestra, per il monologo Creazione&Relazione appoggiati, per gentile concessione, ad una pietra di Michelangelo, un Operatore del Soccorso Clown, un Magnifico Rettore e un po’ distante, là dove campeggia il pianoforte, un Musicista.

Un faro di luce si muove inquieto, cerca l’attore protagonista, il Coaching, non si è ancora presentato, è in ritardo. 

La sala rumoreggia, qualcuno si alza, punta il dito, sta per…ma una voce si leva e…

No signori, ascoltate con tutto il vostro essere, sospendete il giudizio e vi accorgerete che il Coaching è sempre stato in scena.

Questo sipario si aprirà il 25 ottobre presso il Teatro della Compagnia di Firenze. Approfittate della possibilità di confrontarvi con eminenti esponenti della cultura e delle professioni. 

Non sono previste repliche: unicità della persona, unicità dell’opera.

Il teatro: inventare l’uomo e metterlo su un palcoscenico.

Roberto Vecchioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2019 Conferenza ICF 2019. All Rights Reserved | ICF Conference by Slowmedia